Diaframma

diaframma_arzibanda_2017

I Diaframma sono uno dei gruppi più rappresentativi della famosa scena fiorentina degli anni ottanta. Sono arrivati fino ai giorni nostri dopo numerosi cambi di formazione e un temporaneo scioglimento: tuttora l’unico componente rimasto è il cantante, chitarrista e autore Federico Fiumani, perno da sempre della formazione. Dalla darkwave degli esordi, i Diaframma si sono via via orientati verso un punk rock cantautoriale. Durante i vari cambi di formazione, diversi musicisti hanno contribuito alla vita della band, sia in studio che in tour… Dai cantanti Nicola Vannini e Miro Sassolini, passando per G. Cicchi, A. Raimondi, R. Franchi, D. Trambusti, L. Moretto, S. Giuliani, A. Gherardi, Cicchi, G. Melis, L. Braccini, “R. Foggy” Bilotti, L. Alderighi.

Uscito nel 1984 “Siberia” conteneva otto pezzi e tirava un sasso nello stagno della new wave italiana e fiorentina in particolare. La band si collocava nella scia del post punk inglese al pari di band come i primi Litfiba. Il disco, scritto da Federico Fiumani, vedeva all’epoca una formazione con i fratelli Cicchi come sezione ritmica e Miro Sassolini alla voce. La storia del disco segna altre tappe nel 1992, nel 2001 e nel 2006, per arrivare al 2013 con il discorso che si spinge fino a una reincisione, con Fiumani che si cimenta stavolta anche con la voce, forte dell’esperienza maturata negli anni. E aggiunge una serie di intermezzi strumentali firmati da Maroccolo tra un pezzo e l’altro, e anche sei pezzi scritti appositamente, prendendo spunto da poesie scritte dallo stesso Fiumani. Per un totale di un disco “nuovo” da ventuno brani, che cerca di ricollocare i Diaframma al centro della scena indipendente non soltanto passata ma anche presente.